LE MINIERE:FUNTANA RAMINOSA

 

 

Gli Storici affermano che Funtana Raminosa, una miniera situata nel territorio di Gadoni, un paesino della Prov. di Nuoro, è tra le miniere più antiche della Sardegna: vi sono chiare tracce del suo sfruttamento sin dal periodo nuragico.

Nei primi anni del ’500 a Pietro Xinto fu concesso un permesso di scavo per il territorio che in seguito avrebbe visto nascere la miniera di Funtana Raminosa. L’avvocato Paolo Guinebertiere, proprietario della miniera in quel tempo, ottenne la concessione mineraria nel 1913 ed iniziò la produzione riuscendo anche ad esportare i minerali negli Stati Uniti.

Venne costituita la Sociétés Anonyme des Mines de Cuivre de Sardaigne che investì nuovi capitali per modernizzare i sistemi di estrazione. Per il trattamento dei minerali misti si sperimentò, per la prima volta e con successo, il sistema della Flottazione.

 

Infatti il primo impianto venne realizzato nel 1920 proprio in questa miniera. Per difficoltà finanziarie la miniera passò alla Società Anonima Funtana Raminosa.

Nel periodo autarchico, come  in altre situazioni, vi fu una ripresa anche per Funtana Raminosa che riuscì a risollevarsi.

Nel dopoguerra e negli anni cinquanta la ripresa generalizzata delle miniere sarde non parve interessare Funtana Raminosa che pur con grandi investimenti (venne migliorata la laveria, vennero fatte nuove ricerche per arrivare sino agli anni ottanta con la realizzazione di un imponente impianto di trattamento ) sarebbe destinata alla chiusura.Il moderno impianto di Flottazione realizzato nel 1982 e costato ingenti capitali "funzionò" per soli otto mesi!  E' stato scritto (vedi a pag.289 del Libro "Sardegna da Salvare - Storia, Paesaggi, Architetture delle Miniere- Volume XIII curato da Sandro Mezzolani e Andrea Simoncini ed edito da Editrice Archivio Fotografico Sardo di Nuoro) che "solo dopo la sua ultimazione ci si accorse che il giacimento non disponeva delle riserve minime necessarie per farlo funzionare".

E' davvero incredibile! Possiamo porci una domanda: fu davvero l'incapacità dei tecnici nella fase della progettazione di questo impianto imponente e moderno (controllato da un sistema elettronico centralizzato) e nella fase successiva , quindi, della spesa di  miliardi per la sua realizzazione, a sovradimensionare il giacimento oppure fu  fatta la scelta di costruire comunque l'impianto per una politica societaria precisa  di sperpero di soldi pubblici?  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

contatta sardegnaminiere

SMS INVIA