GIOVANNI ANTONIO SANNA

 

Giovanni Antonio Sanna nacque a Sassari il 29 Agosto del 1819 e morì a Roma il 10 Febbraio 1875.

Lasciò ben presto Sassari per cercare di concretizzare ambizioni e idee di una vita migliore di quanto i mezzi economici scarsi della famiglia potessero consentirgli.

Emigrò fermandosi in Francia a Marsiglia. Qui si improvvisò commerciante mettendo a frutto capacità ed intelligenza innate.

 

Sposatosi con Maria Llambi, ebbe quattro figlie Ignazia, Amelia, Enedina e Zeli.

 Le sue capacità imprenditoriali erano evidenti come la sua determinazione e caparbietà nel perseguire l'obiettivo dello sviluppo della miniera di Montevecchio.

Fu eletto deputato alla camera per il collegio elettorale di Isili dal 1857 al 1865, nella VI e nella VII legislatura.  

Nella VIII legislatura fu eletto nel collegio di Grosseto..  

Condivise le idee del Risorgimento con Garibaldi e Mazzini .

Nel 1860 acquistò il giornale torinese "IL DIRITTO" cedendolo  poi a esponenti democratici liguri.

Il suo nome si trova ancora nella facciata di una Scuola elementare a lui dedicata nel Comune di Guspini.