LE MINIERE: INGURTOSU E GENNAMARI

Cronologia    Bau

Ingurtosu "Su Gurtosu", come veniva chiamata anticamente, appartiene territorialmente al Comune di Arbus (Cagliari) essendone frazione.

I momenti più importanti delle miniere di Ingurtosu e Gennamari possono essere individuati nella pagina della cronologia.

Possiamo dire, in questa pagina, che Ingurtosu e, anche se in misura certamente minore, Gennamari furono realtà minerarie importantissime per l'economia della zona dell'arburese-guspinese. Dopo le ricerche effettuate da società o singoli imprenditori che si sono succeduti in oltre un secolo dalla nascita del Regno sardo, il 16 febbraio 1855 con Regio Decreto due commercianti liguri, Marco e Luigi CALVO, ottennero la Concessione in perpetuo della miniera di Gennamari.

Nel 1857 i due commercianti vendettero la concessione alla “Società Civile delle miniere di Gennamari e Ingurtosu”. Negli ultimi trentanni del 1800 vi furono degli interventi innovativi che cambiarono radicalmente le Miniere di Ingurtosu e gennamari. Intanto nel 1871 si procede alla costruzione del tratto di ferrovia privata che collegherà gli impianti di trattamento del minerale alla stupenda spiaggia di Piscinas parte della quale viene concessa il 26 febbraio 1875 per la costruzione di un magazzino nel quale depositare il minerale da imbarcare nelle bilancelle di Carloforte per il trasporto all'Isola di San Pietro. I magazzini saranno, negli anni 50 del 1900, i trasformati in colonia marina per i figli dei minatori che potevano in questo fruire di un soggiorno nello splendido ambiente di Piscinas dove dominano le dune di sabbia finissima ed una spiaggia ancora oggi apprezzatissima. E', peraltro, con il recupero e ristrutturazione di fabbricati della Società mineraria che un imprenditore ha “fondato” la sua azienda alberghiera che ben si integra col paesaggio naturale.

Fu, comunque , alle fine del secolo che la maggioranza del pacchetto azionario passa nelle mani di quel Lord Brassey che con la “Pertusola Limited” intensificò lo sviluppo delle miniere con l'avvio di importanti opere: la Laveria di Naracauli, denominata “Laveria Brassey” (proprio in onore del presidente della Società) inaugurata nel 1900, pozzo Lambert per migliorare l'accessibilità al sottosuolo, l'introduzione delle perforatrici automatiche e delle teleferiche per il trasporto del minerale da Gennamari a Naracauli.

Vi è da aggiungere che altre strutture vennero costruite per l'attività mineraria. Nel 1880 venne autorizzata la costruzione di un impianto di trattamento, la Laveria di Bau, in una zona ricca di boschi e di ruscelli d'acqua freschissima. Il racconto di una “visita guidata” fatta a Bau farà conoscere alcune curiosità della vita “vissuta” nel villaggio costruito attorno agli impianti minerari. Per chi vuole.... basta un clic!

Nel 1933 la Pertusola acquisì l'intera proprietà delle miniere di Ingurtosu e Gennamari con le quattro concessioni di: Tintillonis, Ingurtosu, Crabulassu e Gennamari.

La Pertusola significò sviluppo ma anche ricerca del massimo profitto aumentando i ritmi di lavoro con l'introduzione del “sistema Bedaux”, un sistema di cottimo che si ritrova anche in altre realtà minerarie come la Montevecchio.

All'impianto di Naracauli si aggiunse la laveria Pireddu che fu una moderna flottazione, il miglioramento del pozzo Gal e lo scavo del pozzo 92.

L'energia elettrica venne distribuita anche nelle abitazioni dei minatori; vennero costruite le scuole e incrementata l'attività del laboratorio medico.

La miniera si fermò nel '43: molti minatori vennero licenziati. Nel '46 la situazione migliorò ma iniziò la crisi che dovette portare alla chiusura di Ingurtosu: all'impoverimento del cantiere Brassey si aggiunse la discesa dei prezzi dei metalli. Gli scioperi degli anni cinquanta non furono solo contro l'odiato "Patto Aziendale" che vedremo anche a Montevecchio ma contro le precarie condizioni di lavoro e l'estrema pericolosità dei cantieri.

Nella metà degli anni sessanta Ingurtosu passò dalla Pertusola alla Monteponi-Montevecchio che nel 1973 rinunciò alle concessioni minerarie.

 

Ingurtosu: Panorama del "borgo" di Ingurtosu con al centro, in alto, il palazzo della Direzione.

 

 

Ingurtosu:Piscinas, ferrovia e materiale per le miniere.

 

 

Ingurtosu: l'imponente fabbricato della Laveria Brassey a Naracauli, inaugurata nel 1900.

 

 

Ingurtosu: foto 1954, Colonia Marina di Piscinas per i figli dei minatori di Ingurtosu.