LE MINIERE:MALFIDANO

La nascita della miniera di Malfidano fu il risultato della contesa, in una causa civile, che alla fine dell’800 vide contrapporsi concretamente due Proprietà ma giuridicamente, due ordinamenti giuridici diversi.

Per l’ordinamento vigente in Toscana i proprietari dei terreni avevano titolo anche sul sottosuolo della loro proprietà potendo in tal modo procedere allo sfruttamento delle sue risorse minerarie.

Per il Regno Sabaudo, con la legge mineraria del 1840 e del 1859, che, come dice Quintino Sella nel suo libro, è una riforma della legge del 1840, il sottosuolo è proprietà demaniale dello Stato che può così rilasciare permessi di scavo e concessioni per lo sfruttamento dei minerali eventualmente esistenti a chi ne facesse richiesta avendone i mezzi.

 Nell'800 la famiglia Modigliani proprietaria dei terreni, quindi, ebbe un contenzioso in una causa civile con la Società Mineraria Malfidano che scoprì un ricco giacimento dopo aver avuto nel 1865 le autorizzazioni alla ricerca di minerali di piombo.

 

 

malfidano vista dal mare

veduta della laveria dal mare

 

 

malfidano antico porto Buggerru

foto d'epoca del porto con le bilancelle

 

 

La Famiglia Modigliani non riuscì nell’intento di rilevare la miniera.Con l'attività mineraria nacque il Borgo dei Minatori a cui si diede il nome di Buggerru.

Qui iniziarono dal 1870 i trasporti del minerale per mezzo di chiatte che facevano rotta per Carloforte.

Nella Montagna di Malfidano ed in quelle vicine si iniziò a scavare fino a scoprire il ricco giacimento o "ammasso" di Caitas che si stimò dovesse garantire il lavoro per oltre un secolo.

 Per il trattamento dei minerali vennero costruite tre laverie: una sorse nel 1870 e fu denominata Buggerru; una seconda , la laveria Lamarmora fu operante nel 1886; il terzo impianto, denominato Malfidano, fu anche il maggiore dei tre, venne realizzato nel 1890 davanti al porto e rimase per anni all'avanguardia finendo di operare solo nel 1979.

A Buggerru ci fu la prima grande repressione degli scioperi dei minatori: nei primi anni del 900 ed esattamente nel settembre del 1904 tre minatori in sciopero furono uccisi dall'esercito.

Sin dagli anni quaranta la miniera vide l’inizio di una crisi finanziaria che gettarono le basi per la sua chiusura.                           

 

 

contatta sardegnaminiere

SMS INVIA