ARAGONITE

 
 

 

ARAGONITE Carbonato di calcio CaCO3


-Origine del nome: prende il nome dalla provincia spagnola dell’Aragona dove venne individuata nel 1788 da A.G.Werner.

-Sistema cristallino: ortorombico.

-Habitus: si presenta in cristalli aciculari piramidali, in aggregati raggiati; in cristalli tabulari con pinacoide verticale sviluppato e prismi; in geminati pseudoesagonali. Anche in aggregati reniformi, colonnari e stalattitici

-Sfaldatura/frattura: pinacoidale distinta, prismatica povera.

-Durezza: 3 ½ - 4.

-Peso specifico: 2,95.

-Colore: incolore, bianco, giallo pallido e altre varie sfumature.

-Lucentezza: vitrea; trasparente.

-Ambiente di formazione: molto meno comune della calcite, essendo stabile solo ad alte pressioni, si può formare anche sotto determinate condizioni atmosferiche, al di fuori del proprio campo di stabilità. Inoltre la si può trovare: depositata in acque termali; in cavità di basalti; in rocce metamorfiche di alta pressione e bassa temperatura; i gusci dei molluschi e le perle sono di aragonite.

-Località: Iglesiente

-Note: Reagisce con l’HCl a freddo dando effervescenza. Si distingue dalla calcite per la mancanza di sfaldatura romboedrica.