PIRITE

 
 

 

 

PIRITE Solfuro di ferro FeS2


 

-Origine del nome: dal greco pyros, che significa fuoco, in quanto percossa con ferro emette scintille.

-Sistema cristallino: cubico. Polimorfo rombico: Marcasite.

-Habitus: frequente in cristalli cubici con facce striate. Anche massivo, granulare, reniforme e globulare.

-Sfaldatura: nessuna o povera.

-Frattura: da concoide a irregolare; fragile.

-Durezza: 6-6 ½

-Peso specifico: 5.

-Colore: giallo ottone più o meno chiaro.

-Lucentezza: metallica splendente, ma anche opaco.

-Polvere: nera o nero-verdastra.

-Ambiente di formazione: è molto comune in Sardegna. Ha genesi idrotermale ma anche sedimentaria. Nei giacimenti metalliferi è spesso associato a: calcopirite, blenda e galena. Minerali secondari: Limonite e Goethite.

-Località: Campo Pisano e Genna Luasa (Iglesiente), e molte altre località.

-Note: si altera facilmente a limonite, anche in cristalli pseudomorfi. Si distingue dalla calcopirite per la maggior durezza ed il colore più pallido e dall’oro per la sua maggior fragilità e durezza.