Monteponi:la ferrovia

 

La ferrovia privata Monteponi-Portovesme venne realizzata dalla società mineraria ed entrò in servizio nel 1876.

In verità la ferrovia, col venir meno delle perplessità che alcuni dirigenti della società avevano per l'alto costo dell'investimento, venne costruita alla fine degli sessanta del 1800 sotto la direzione dell' ingegnere ferroviario Anselmo Roux.

Entrò in funzione nel 1871 con i vagoni trainati dai cavalli che lasceranno poi il posto alle più moderne locomotive “trainate” da cavalli vapore.

 

Essa aveva la lunghezza di 15 Km ed era a scartamento ridotto di 1 m.

 

Monteponi:una splendida foto del 1909 della Stazione.

Portovesme fu il porto voluto da Carlo Baudi di Vesme: la ferrovia servì a completare un “sistema di trasporto integrato” anche se incompleto per la mancanza di strade.

La ferrovia non solo consentì alla “monteponi” di abbattere il costo del trasporto effettuato anche in questo caso dai carri a buoi ( la foto che ritrae il “convoglio” dei carri che attraversa le grotte di San Giovanni è un documento davvero eccezionale) ma influì sullo stesso sviluppo dei paesi e città minerarie facilitando gli spostamenti da Iglesias a Portovesme e da lì, con i battelli, all'isola di San Pietro.

Con lo sviluppo dell'attività estrattiva e il collegamento ferroviario, Portovesme divenne un porto industriale importante.

Monteponi:una locomotiva ferma in stazione in una foto del 1909.

 

 

Monteponi:La stazione in una foto del 1909.